L’1% del PIL francese è messo in gioco dalla salute dei dirigenti d’azienda, che prestano poca attenzione ai segnali d’allarme del burnout. Di conseguenza, sono nate diverse associazioni per sostenere i manager in difficoltà o addirittura in difficoltà.


In quattro anni, la pietra della scarpa si è trasformata in menhir

Una carriera professionale intensa e una vita familiare appagante possono essere vertiginose. E persino diventare così assordante da non riuscire più a sentire i richiami del tuo corpo.

“Dopo una serie di esperienze come parrucchiere, progettista di cucine e direttore di un hotel-ristorante, nel 2013 io e il mio socio abbiamo avviato un’attività incentrata su una nicchia di creazione artigianale: la produzione e la vendita di prodotti artistici in vetro unici.

La barca era fragile, viveva di assegno in assegno per compensare il nostro vacillante flusso di cassa e allo stesso tempo era madre a tempo pieno di una grande famiglia mista. Mi sono rifiutata di ascoltare i richiami progressivi del mio corpo: psoriasi, asma e così via. Questo messaggio non è stato compreso perché non mi sono mai chiesto di capirlo.

Nel giro di quattro anni, il sassolino nella scarpa si è trasformato in menhir: la società è stata messa in liquidazione, lui è stato sradicato da un trasferimento in Bretagna, dal divorzio e dal cancro! Nella sala d’attesa del liquidatore, mi sono imbattuto in un poster che parlava di 60.000 rimbalzi. A partire da giugno 2017, ho mosso i primi passi verso una ripresa, accompagnata da un coach e da uno sponsor di questa associazione”, racconta Marie Guth, che ora sta recitando questa particolare esperienza in uno spettacolo, L’effet ricochet: quand nos pierres deviennent un chemin.

Burn out in azienda: 3 avvertimenti importanti… ma pochi cani da guardia addestrati

Tre elementi sono fattori di burnout, segni di burn out.

“Prima di tutto, c’è il fenomeno della stanchezza, che si riflette nella ripetizione dell’espressione “sono stufo”. In secondo luogo, un sentimento di delusione, che aumenta nel tempo, nei confronti dell’atteggiamento dei dipendenti, dei clienti, dello Stato, della famiglia e degli amici.

Infine, i disturbi del sonno: dormire meno, svegliarsi stanchi o prima che suoni la sveglia. A causa del fenomeno di subordinazione alla propria azienda, gli imprenditori fanno del sonno una variabile di aggiustamento del proprio lavoro, mentre si tratta essenzialmente di una funzione di recupero che non dovrebbe mai essere sacrificata”, sottolinea Olivier Torrès, fondatore dell’Osservatorio Amarok (dedicato alla salute dei manager) oltre quindici anni fa.

I manager non sono come gli altri dipendenti

Negli ultimi dieci anni circa, sono nate diverse associazioni per fornire supporto ai manager in difficoltà o addirittura in difficoltà. 1nspire è il risultato di un incontro tra Lionel Fournier, allora Direttore Regionale di Harmonie Mutuelle Atlantique, e Claude Villain, Direttore Associato di TGS France.

“In 35 anni di lavoro come manager, non ho mai avuto un solo appuntamento con la medicina del lavoro! Dal 2019, l’associazione 1nspire, vuole rendere la salute dei leader un elemento della performance aziendale, cercando di cogliere l’invisibile: il burnout, ma anche l’emotivo o il traumatico.

Per un direttore d’azienda è un tabù parlare in modo negativo di se stessi, perché potrebbe essere un rischio di fallimento. Ma il fallimento non esiste in Francia, mentre per gli americani è un punto di forza, un’esperienza.

Uno studio commissionato da1nspire ha dimostrato che la cosa più importante per un direttore d’azienda è gestire le tensioni tra il personale e i clienti, tra il breve e il medio termine e tra la vita professionale e quella personale. La respirazione, per eliminare i problemi e indicare la strada da seguire, è la chiave per un leader equilibrato. Da qui la massima dell’associazione: “Un leader che ispira è un leader che respira”, spiega Claude Villain, fondatore e presidente di 1nspire, un’organizzazione no-profit.

Da parte sua, l’associazione Rebond 35 è nata dall’angoscia dei professionisti che lavorano nei tribunali commerciali di Rennes e St Malo, che si sono trovati impotenti ad aiutare i loro colleghi, vedendoli andar via senza alcuna soluzione morale dopo aver presentato istanza di fallimento.

“Abbiamo sviluppato un’associazione per consentire ai dirigenti d’azienda di ottenere informazioni, ricevere formazione e anticipare situazioni difficili o addirittura estreme, grazie a una rete invisibile di solidarietà e sostegno che mobilita le risorse per farle superare. La nostra azione fa parte di una riabilitazione del rapporto con il fallimento che troppo spesso ostracizza le persone e le chiude in se stesse”, Fabrice Garrault, presidente di Rebond 35.

Dal 2016, 270 manager sono stati supportati da questa associazione, attraverso circa 30 peer attivi e 25 professionisti di supporto.

Uno studio stabilisce il legame tra la salute dei dirigenti e le prestazioni aziendali

Sebbene esistano molte norme per promuovere il benessere dei dipendenti, non è così per i dirigenti d’azienda, che non si concedono nemmeno una pausa o una malattia. Questo trattamento ingiusto ha portato alla creazione dell’associazione 1nspire.

“L’1% del PIL francese è messo in gioco dalla salute dei dirigenti d’azienda. Devono essere in grado di liberarsi dal loro carico mentale e di trasformare la pressione, la tensione e l’emozione in un impatto positivo. Solo l’autenticità nelle relazioni permette di accedere a queste cose non dette.

Se non è possibile fare breccia nella segretezza o nella negazione, 1nspire ha creato uno strumento di autodiagnosi per tutti i tipi di manager, in modo che possano tastare il polso regolarmente e proteggersi.

Tanto più che esiste una correlazione tra la salute del manager e quella dell’azienda, come dimostra uno studio di1nspire che ha coinvolto 400 imprenditori, dagli artigiani ai capi di grandi gruppi.

Se l’azienda sta andando bene, nonostante il sovraccarico di lavoro, il manager trae soddisfazione dalla situazione.

Tuttavia, se il manager e l’azienda non stanno andando bene, il sovraccarico diventa un segnale di allarme e una visione alterata del futuro. Un leader in forma è un’azienda che funziona.

Un altro studio dell’associazione ha dimostrato che 3 o più ore di attività fisica a settimana hanno un impatto reale sulla salute di un manager e quindi sul suo rendimento economico.

Anche la disconnessione dagli strumenti digitali (laptop, computer, ecc.) per 2-5 ore alla settimana ha un impatto positivo. Alcuni dirigenti partecipano alle riunioni del loro comitato di gestione… facendo jogging o passeggiando! Il modo in cui ci relazioniamo con noi stessi e con il tempo ha un’influenza reale sulla crescita di un’azienda e sui suoi dati di vendita”, spiega Franck Berthouloux, consulente di TGS France specializzato nella salute dei dirigenti d’azienda.

Leggi anche : >> Proprietario di un’azienda: come prevenire il rischio di burnout.

Découvrez la newsletter 100% franchise

Je m'abonne à la newsletter
cross