Franchising immobiliare: le tendenze del settore

23 Aprile 2023

Pubblicato venerdì 14 aprile 2023, il barometro Guy Hoquet l’Immobilier presenta le ultime tendenze del settore, alcune delle quali piuttosto inaspettate.


Il settore immobiliare sta diventando sempre più complesso e i francesi si rivolgono più che mai a professionisti del settore per farsi aiutare nei loro progetti. Gli operatori del settore e i franchising immobiliari si stanno posizionando in questo mercato in continua evoluzione. Analisi a cura di Séverine Amat, Direttore delle Relazioni Pubbliche e della Stampa di Guy Hoquet, e di Julien Girard, Responsabile di Hoquet Business.

Tendenze del mercato immobiliare

Mentre si prevedeva un calo dei prezzi degli immobili nel 2023 e un crollo del mercato, i dati mostrano un quadro molto diverso. Infatti, nonostante la limitazione del potere di prestito per molti cittadini, i prezzi non hanno ancora iniziato a scendere in tutte le regioni. Il valore medio delle case in Francia è addirittura aumentato del 4,3% in un anno (+1,5% rispetto al4° trimestre 2022).

Il barometro di Guy Hoquet l’Immobilier ha rilevato che, dopo la covida, gli acquirenti hanno smussato i loro criteri di ricerca e rivisto la loro idea di immobile ideale. Allo stesso tempo, il contesto economico ha frenato l’esodo urbano. Le metropoli rimangono quindi attraenti e i bacini occupazionali non si spostano. “Gli acquirenti stanno rivedendo i loro criteri di ricerca, di fronte a venditori che ancora negano lo sconto, ma che senza dubbio saranno costretti ad accettarlo”, analizza Séverine Amate.

L’indagine condotta da Guy Hoquet mostra anche che le case unifamiliari sono ancora molto popolari tra i francesi. Tuttavia, il loro potere d’acquisto è fortemente penalizzato dalla carenza di offerta e dal rapido aumento dei tassi ipotecari. Di fronte a questi fatti, “l’unica strategia per stabilizzare i prezzi a lungo termine e consentire al maggior numero possibile di cittadini di trovare una casa è costruire di più, meglio e in modo più virtuoso, e sostenere l’acquisto di nuove abitazioni”, afferma Stéphane Fritz, Presidente di Guy Hoquet, in un comunicato stampa.

Infine, mentre il processo immobiliare sta diventando sempre più complesso e 8 persone su 10 si rivolgono a professionisti del settore. Venditori, proprietari e acquirenti si rivolgono a una terza parte fidata che li aiuti a percorrere questa strada sempre più complessa e tortuosa. “Stiamo imparando a conoscere concetti complessi come il passoir energetico o l’audit energetico. Oggi più che mai la professione deve essere allineata e consapevole degli elementi esterni che la compongono”, aggiunge Séverine Amate. Questo è di buon auspicio per i professionisti del settore e per le reti di franchising.

Il franchising, un modello adatto al settore immobiliare

Nel 2023, il settore immobiliare conterà 61 marchi in franchising e 4.520 punti vendita. “Quando chiediamo ai nostri affiliati perché hanno scelto di entrare nel franchising, la stragrande maggioranza di loro ci dice che avevano bisogno di supporto, riconoscimento e capacità di muoversi velocemente. In effetti, non si è mai così conosciuti come quando si fa parte di una rete di franchising che mette soldi e peso dietro questa reputazione nazionale”, conferma Séverine Amate.

D’altra parte, si tratta di una professione altamente regolamentata in cui è necessario conoscere e padroneggiare i driver, le regole, i metodi, gli approcci e le offerte. Una conoscenza e un know-how che il franchisor ha il dovere di formalizzare e fornire ai suoi partner in franchising. “Quando si parla di riqualificazione, cosa c’è di meglio di una rete di franchising? Il nostro compito è quello di essere vicini agli esperti specializzati in queste materie, di rendere queste conoscenze accessibili al grande pubblico, di formalizzarle e strutturarle in modo che possano essere trasformate in formazione iniziale per la nostra rete. Questa è la materia prima che i nostri franchisee cercano per poterla spiegare ai loro clienti finali”, spiega Julien Girard, Business Manager di Hoquet.

Diversificare la nostra offerta: aggiungere valore agli agenti immobiliari

Poco prima della pubblicazione del barometro, Guy Hoquet ha annunciato il lancio della sua nuova offerta: Hoquet Business. Con il lancio di questa offerta commerciale, il marchio mira a diversificare i suoi partner in franchising e a consentire loro di conquistare nuove quote di mercato. La catena prevede di aprire 70-80 punti vendita Hoquet Business e non di più. Questa cifra corrisponde al numero di aree economiche francesi (dipartimenti e prefetture). “Stiamo sviluppando centri di profitto e vogliamo che siano duraturi e sostenibili per i partner che decidono di unirsi a noi in questa avventura”, afferma Julien Girard.

E aggiunge: “Svilupperemo luoghi che incoraggino lo spirito imprenditoriale! Sebbene il nome Hoquet funga da collegamento tra le due attività, Hoquet Business non si limita a gestire le transazioni immobiliari per i locali commerciali. “Se vuoi aprire un’attività Hoquet, non aprirai un’agenzia immobiliare. Sono due cose diverse. Ci rivolgiamo a una clientela di professionisti che vogliono essere assistiti da specialisti, non da un agente immobiliare che si improvvisa agente immobiliare o commerciale. Noi trattiamo con imprenditori che vogliono essere aiutati ad aggiungere valore alla loro attività. Esaminiamo il bilancio, il contratto di locazione commerciale, le possibilità di ottimizzare il trasferimento dell’attività, ecc. Quindi non possiamo permetterci di essere solo dei portachiavi”, spiega Julien Girard.

L’offerta di Hoquet Business si basa quindi su quattro segmenti: transazioni di locali commerciali, transazioni commerciali e patrimoniali, immobili commerciali di piccole e medie dimensioni nelle periferie di città e paesi e vendita di piccolissime imprese. Poi c’è la gestione degli affitti BtoB. Il marchio ha già in programma l’apertura di una decina di studi entro la fine del 2023.

Bloc-PP-Aide

En savoir plus ?

Besoin de conseils sur votre projet ? Nos experts sont à votre disposition gratuitement.
Contactez-nous

Découvrez la newsletter 100% franchise

Je m'abonne à la newsletter
cross