Come si possono utilizzare i dati per scegliere i locali?

14 Dicembre 2023

Martedì 12 dicembre 2023, in occasione dell’ultima colazione del Franchise Club dell’anno, ospitata da Yves Sassi, tre ospiti hanno affrontato il tema dei dati e di come questi possano essere utilizzati per trovare la location giusta per aprire un franchising.


Guillaume Courtier, esperto di intelligenza geografica e analista di dati di Geoptis, Nicolas Perez, direttore dello sviluppo di Auchan, e Michel Simond, fondatore di Sowepro ed esperto di corporate real estate e retail, si sono riuniti allo Spot, il centro per la vita e l’innovazione del Gruppo La Poste, per discutere della questione strategica del “nuovo mondo”. la scelta dell’ubicazione e il ruolo dei dati in questa decisione.

Prima di raccogliere dati su una località, devi individuare i criteri che la rendono il luogo ideale per la tua attività. A rigore, non esiste una location ideale, semplicemente perché i criteri di scelta sono tanti quanti i tipi di attività. Per la catena di gallerie d’arte Carré d’artistes, la posizione perfetta è quella del centro città, dove deve essere visibile e circondata da “buoni vicini” che portano il pubblico. “Il locale è la chiave del nostro successo. Siamo posizionati per l’acquisto d’impulso, non siamo una destinazione”, spiega Jenna Sebki, responsabile dello sviluppo del marchio. Il marchio vuole quindi affermarsi vicino a marchi leader che trasmettano i segnali giusti per Carré d’artistes.

Da parte sua, la rete di ristoranti Buns France punta su locali di dimensioni modeste, facili da sfruttare, ma dotati di un sistema di aspirazione. “Cercheremo delle opportunità, ma non necessariamente una sede numero uno”, spiega il fondatore Adrien Massot. Auchan, invece, si concentra sulle aree urbane e suburbane e si preoccupa di analizzare il tipo di flusso di traffico davanti al centro commerciale scelto. A volte alcuni dettagli possono sembrare insignificanti, come ad esempio un ingresso sul lato dell’edificio piuttosto che sul viale principale, ma possono avere un impatto immenso sul flusso di persone nel negozio e sul successo del negozio stesso. Tutti questi criteri di selezione sono dati che possono essere raccolti e analizzati.

È proprio perché questi criteri sono così vari che gli strumenti di raccolta e analisi dei dati sono così importanti per le reti di franchising. Una volta definiti, questi criteri possono essere utilizzati per focalizzare la ricerca e raccogliere dati mirati. “Il mio lavoro consiste nel supportare le aziende nella loro strategia di espansione. Le aiuto a individuare le aree non ancora coperte e a trovare locali commerciali disponibili in quelle aree”, spiega Guillaume Courtier. In Geoptis, una parte di questa raccolta dati viene effettuata dai postini che lavorano nella zona e sono in grado di osservare il flusso del traffico e gli indirizzi liberi.

“Per noi i dati sono importanti per individuare un bacino d’utenza, per effettuare studi sul potenziale di un’unità di vendita al dettaglio e per scoprire che tipo di traffico vi scorre (pedoni, turisti, ecc.). Questi studi vengono poi confrontati con un modello di business e con i costi per valutare la redditività del sito”, spiega Nicolas Perez. Guillaume Courtier aggiunge: “A volte la location ideale esiste, ma non è disponibile. Sapere quando sarà disponibile è una vera sfida per alcuni operatori, soprattutto nel settore della vendita al dettaglio.

Per Michel Simond, i dati sono essenziali perché aiutano a rassicurare i futuri investitori. “Rassicura l’imprenditore che si assume un rischio con un prestito di 7 anni e si impegna con un franchisor. Il franchisor gli dice che il suo concetto funziona, ma i dati rassicurano l’affiliato su tutti i criteri che rendono la sede scelta quella giusta”, spiega.

Una volta raccolti i dati, la sfida per i rivenditori è quella di renderli intelligenti. “I dati hanno valore solo quando sono raffinati. Ci permettono di trarre conclusioni, di conoscere meglio il nostro territorio e di individuare, in modo molto concreto, le città in cui insediarci e i locali disponibili che corrispondono ai nostri criteri”, spiega Guillaume Courtier.

Nicolas Perez ci invita addirittura a diffidare dei dati che possono dire tutto e il contrario di tutto: “Se non conosciamo il nostro concetto e non sappiamo dove vogliamo portare i nostri franchisee, purtroppo i dati non saranno di grande utilità. È molto importante avere dei veri e propri cursori a seconda dell’area in cui ci si sta insediando.

Michel Simond individua nel tasso di turnover di un’area un ottimo indicatore da tenere in considerazione prima di scegliere i locali. Questi dati sono interessanti perché mostrano il movimento dei negozi nella stessa strada. Se più del 50% di loro è qui da molto tempo, è perché la loro attività funziona. Il tasso di fatturato può quindi essere rassicurante per l’acquirente, che sa di insediarsi in un’area dinamica, ma anche per il suo banchiere, che sarà particolarmente interessato alla posizione del locale prima di concedere un prestito.

Bloc-PP-Aide

En savoir plus ?

Besoin de conseils sur votre projet ? Nos experts sont à votre disposition gratuitement.
Contactez-nous

Découvrez la newsletter 100% franchise

Je m'abonne à la newsletter
cross