Quando dovresti lasciare la tua zona di comfort?

3 Ottobre 2022

La zona di comfort ci mantiene in meccanismi ben collaudati… ma non necessariamente soddisfacenti. Quindi a volte può essere utile uscire. Ma come si fa a sapere quando è il momento giusto? Continua a leggere per saperne di più.


La zona di comfort varia da persona a persona. Si assicura che la situazione sia sotto controllo e che i livelli di paura e ansia siano bassi. Quindi la zona di comfort è valida? Non proprio. Perché oltre a questo c’è un territorio poco conosciuto che a volte vale la pena esplorare.

Un passo di lato per uscire dalla tua zona di comfort

La zona di comfort rappresenta le nostre abitudini, ciò che ci è familiare e rassicurante. Nel suo libro sull’argomento*, Hanine Mhannd, imprenditrice, docente e autrice specializzata in auto-miglioramento e gamification, spiega: “Il concetto di zona di comfort (…) si riferisce a uno spazio privilegiato in cui le nostre attività e i nostri comportamenti corrispondono a una routine e a un modello che riduce al minimo lo stress e il rischio. Si tratta di uno stato di sicurezza mentale ottimale”.

La familiarità significa “sotto controllo”, e questo vale in tutti gli ambiti: professionale, emotivo, finanziario… Come ci assicura l’autrice** e praticante di ipnosi e sofrologia Chloé Turgis: “Ricercare frequentemente il conosciuto e il familiare è del tutto normale e sano”. Allora perché dovremmo abbandonare questa famosa zona di comfort che contiene tutte le nostre routine e conoscenze?

Perché è tutta una questione di dosaggio, come spiega lo specialista. La compiacenza e la sicurezza a volte ci impediscono di scoprire nuove abilità, di incontrare nuove opportunità, di fare nuove esperienze, di metterci in discussione e di evolverci. Inoltre, ci impedisce di essere armati per affrontare gli imprevisti e qualsiasi situazione che, nonostante le nostre precauzioni, ci sfugge di mano.

Ampliare la tua zona di comfort professionale, piuttosto che rinunciarvi.

Nel suo libro, l’autrice Chloé Turgis ci invita a mettere in discussione la differenza tra ciò che è comodo e familiare e ciò che è veramente buono per noi. “Sarebbe più appropriato sostituire il termine “zona di comfort” con “zona di abitudine” o “zona di sicurezza”. (…) Ciò che è familiare può andarci bene a un certo livello, ma a un altro livello non è o non è più necessariamente una fonte di benessere per noi”.

Tornare costantemente a meccanismi e punti di riferimento profondamente radicati non può che limitarci nel lungo periodo. Un’idea sviluppata da Hanine Mhannd: “Le aree della tua vita in cui senti di non fare progressi sono probabilmente dovute alle tue convinzioni limitanti (…) Che tu ne sia consapevole o meno, hai integrato alcuni diktat che sabotano il tuo potenziale di azione e limitano il tuo potere”.

Cambiare le proprie abitudini e il proprio modo di vedere le cose significa anche aprirsi ad altre realtà e guardare con occhi nuovi gli altri e se stessi. Significa anche concedersi un’altra zona di comfort più ampia. “La scelta delle parole è fondamentale. (…) uscire dalla propria zona di comfort non suggerisce nulla di molto motivante o rassicurante. Quindi la proposta alternativa, di guardare le cose in modo più positivo e interessante, di ampliare la tua zona di comfort (…) è più attraente a breve termine e più utile a lungo termine”, spiega Chloé Turgis.

Utilizza i termini “zona di esplorazione” o “zona di sviluppo”, riferendosi a “una zona intermedia che diventerà gradualmente una zona di comfort iniziale”.

Come puoi ampliare la tua zona di comfort?

Uscire dalla tua zona di comfort a tutti i costi non è la soluzione. Hanine Mhannd inizia invitandoci all’introspezione: “La cosa più importante da definire è il motivo per cui vuoi uscirne”. In altre parole, perché e in quali aree hai bisogno di mettere in discussione i tuoi meccanismi operativi?

L’idea è quella di sfidare te stesso, senza destabilizzare la tua routine quotidiana e senza perdere il controllo. L’autore rivela di porsi questa domanda quasi ogni giorno: “Cosa potresti fare di nuovo o di diverso oggi per avvicinarti a questa versione migliore di te stesso o per esplorare il maggior numero possibile di possibilità della vita?”.

Qual è il suo obiettivo? Raggiungere il tuo pieno potenziale. Per raggiungere questo obiettivo, non esitano a porsi degli obiettivi o addirittura a inventare un alter ego, una versione migliore di se stessi. “Il tuo alter ego non è qualcun altro, sei tu. Ma è una parte di te che normalmente non ti permetti di essere. Un alter ego ben studiato può aiutarti a correre dei rischi e a colmare il divario tra dove sei e dove vuoi essere”.

Per farlo, devi anche imparare a lasciar perdere il modo in cui gli altri ti guardano, un’altra paura limitante che a volte può farti rimanere nella tua zona di comfort, tuo malgrado. “Per ottenere ciò che non hai mai avuto, devi fare ciò che non hai mai fatto”, dice Hanine Mhannd, che ci ricorda che i bambini escono costantemente dalla loro zona di comfort. Un’opinione condivisa da Chloé Turgis: “E se il pericolo più grande fosse quello di non rischiare mai nulla?

* Sortez de votre zone de confort – Vous allez enfin oser être vous-même, Hanine Mhannd, Marabout Poche
** Etendez votre zone de confort – Ne passez plus à côté de votre vie, Chloé Turgis, Dangles

Bloc-PP-Aide

En savoir plus ?

Besoin de conseils sur votre projet ? Nos experts sont à votre disposition gratuitement.
Contactez-nous

Découvrez la newsletter 100% franchise

Je m'abonne à la newsletter
cross