Goditi il silenzio, ovvero il potere del silenzio nella gestione

15 Novembre 2022

Nella nostra società rumorosa, in cui il minimo oggetto ci chiama costantemente con bip, blop e ding, il silenzio è inquietante. Evoca il vuoto, il disagio, l’ignoranza, a volte persino la stupidità, e tendiamo a diffidare di chiunque rimanga in silenzio per troppo tempo. L’impulso a rompere questo insopportabile silenzio, a riempirlo, è feroce, a costo di parlare per non dire nulla.


Eppure, in molte discipline, il silenzio è ciò che dà a un discorso la sua piena portata. Nel teatro, crea emozioni; nella stand-up comedy, provoca risate; e nella musica, sono i respiri che danno ritmo alla melodia. Si potrebbe dire che la natura aborrisce il vuoto, ma il silenzio non è il vuoto o il nulla, bensì un luogo dove far apparire ciò che già esiste. Sul posto di lavoro, che è quello che ci interessa, è un potente strumento di gestione per promuovere la creatività e la motivazione.

Il silenzio per una migliore comunicazione

Può sembrare un po’ controintuitivo, ma il silenzio è un formidabile strumento di comunicazione. In qualità di oratore, sapere come lasciare spazi vuoti nel tuo discorso presenta indubbi vantaggi. Da un lato, la pausa offre un tempo per respirare e riflettere, durante il quale l’oratore può valutare la reazione del pubblico a ciò che ha appena detto. In questo modo può pensare a come vuole che sia il suo prossimo annuncio. Come ti diranno i migliori comici, è essenziale, anzi vitale, ascoltare il pubblico, farsi un’idea della sala, per non esagerare. Questo silenzio incoraggia anche l’ascoltatore ad assimilare ciò che è stato detto. A volte bastano pochi secondi perché una buona battuta sbocci nella mente del pubblico e lasci spazio alle risate. Fare delle pause durante il discorso è quindi perfettamente produttivo, perché dà a tutti il tempo di pensare.

Jacques Pilhan, consigliere per le comunicazioni di François Mitterrand e Jacques Chirac, vedeva nel silenzio un potente mezzo per creare desiderio tra i cittadini e riteneva che la statura di un capo di Stato si costruisse, in parte, sulla rarità delle sue parole. Anche nel mondo aziendale, il manager le cui parole sono rare ma estremamente rilevanti si costruisce una statura di uomo o donna di potere. Nelle riunioni, a volte il modo migliore per brillare è tacere. Rimanere in silenzio, ascoltare, riflettere e poi proporre un messaggio ben costruito e pertinente è una vera dimostrazione di intelligenza e talvolta di legittimità.

Il silenzio come potere creativo

Poiché il silenzio permette di riflettere, può generare nuove idee e far emergere soluzioni. Nasconde quindi il vero potenziale creativo e dovrebbe precedere qualsiasi sessione di brainstorming… Una calma prima della tempesta.

D’altra parte, questa lacuna, poiché a volte è terribilmente imbarazzante, deve essere colmata. Una pausa sufficientemente lunga al momento giusto può allora, come per magia, portare alla luce verità nascoste, idee non ancora pienamente sviluppate, intuizioni non ancora pienamente accolte. In breve, il silenzio è un catalizzatore per rivelare ciò che già esiste ma che rimane nascosto per pudore, timidezza o paura di essere giudicati. Il manager esperto sarà in grado di utilizzare questi spazi vuoti per far ammettere ai suoi collaboratori ciò che pensano davvero, per farli cedere una richiesta delicata o addirittura per far sì che trovino da soli la soluzione per cui si erano rivolti a lui.

Infine, nella negoziazione, l’arte di rimanere in silenzio è un’arma formidabile. Di fronte all’annuncio di un prezzo o di una condizione, rimanere in silenzio è destabilizzante e può portare l’altra persona a dire di più, anche troppo. Cercando di colmare il vuoto, offre al suo interlocutore informazioni preziose con cui costruire una contro-argomentazione, se non addirittura tradire il suo bluff.

Calma e silenzio, le chiavi della motivazione?

In alcuni casi, il silenzio può essere un fattore motivante. “Se vuoi motivare, inizia col tacere”, ha detto Brandon Irwin, professore della Kansas State University. In un articolo intitolato “Il silenzio d’oro”, dimostra che gli allenatori sportivi che sono calmi, silenziosi ma attenti durante una partita ottengono risultati migliori dalle loro squadre. Come si spiega questo? Una delle risposte proposte da Brandon Irwin è che l’allenatore, incoraggiando con le parole, in realtà distrae i giocatori e allo stesso tempo riduce la loro capacità di trarre da se stessi la forza per eccellere.

Susan Fowler, specialista della motivazione e docente presso l’Università di San Diego, ha commentato lo studio di Brandon Irwin. Ha aggiunto che, a suo parere, le sfuriate e gli incitamenti di un allenatore volubile vengono percepiti dai suoi giocatori come espressione della sua motivazione e del suo bisogno di vincere, e non come un aiuto per aiutarli.

Questa teoria si applica perfettamente al mondo degli affari. I dipendenti non saranno motivati se sentiranno di essere manipolati e se l’incoraggiamento non sembrerà sincero. Per sostenere le sue truppe, il manager ha quindi tutto l’interesse a dare incoraggiamenti e commenti con più parsimonia, ma in modo molto più sincero e corretto. Un complimento o una critica rara ma costruttiva saranno più significativi e avranno un impatto maggiore sulla motivazione dei dipendenti. Quindi, manager e leader, ricordate sempre che mentre le parole sono d’argento, il silenzio è d’oro. Non ascoltarti troppo e non esitare a fare una pausa per “goderti il silenzio” e condividerlo con il tuo team.

Découvrez la newsletter 100% franchise

Je m'abonne à la newsletter
cross