Franchising: come puoi aumentare il tuo contributo personale?

29 Novembre 2022

Esistono regole immutabili per finanziare l’avvio di un franchising. Solo un apporto personale di capitale proprio sufficiente ti permette di accedere al sacrosanto credito bancario. Ecco 5 modi per aumentare il tuo investimento iniziale.


“Ho contribuito con 18.000 euro di fondi personali provenienti dai miei risparmi. Questo mi ha permesso di ottenere un prestito bancario di 60.000 euro”, spiega Nathalie Bodard. Questo affiliato dell’azienda di servizi alla persona La main Tendue, che ha sede a Retiers, in Bretagna, dal settembre 2022, rientra nelle statistiche dei finanziamenti in franchising. In media, è richiesto un contributo personale compreso tra il 30% e il 35% dell’investimento totale. Può addirittura arrivare al 50% nel settore dei servizi, considerato più rischioso! Il capitale proprio apportato dall’imprenditore rappresenta le risorse sostenibili che appartengono direttamente o indirettamente all’azienda. Più sono alti, maggiore è la fiducia che l’azienda ispira non solo ai franchisor, ma anche alle banche e ai partner finanziari che possono offrire garanzie collaterali.

Con investimenti che vanno da 50.000 a 200.000 euro nel franchising, e fino a 500.000 euro nei settori della ristorazione, della vendita al dettaglio e degli hotel, è facile immaginare le enormi somme di denaro che gli affiliati devono raccogliere per iniziare. “In media, il contributo personale è di circa 110.000 euro per un franchising maturo. È un po’ più basso per una rete giovane”, afferma un banchiere specializzato nel mercato professionale. Queste somme, lungi dall’essere alla portata di tutti, possono fortunatamente essere aumentate attivando diverse leve.

Un aiuto dagli amici

Il Love Money, il denaro prestato da amici o parenti stretti, può essere utilizzato per raccogliere qualche migliaio di euro per lanciare un progetto. Tuttavia, questo aiuto deve essere supervisionato dai vari protagonisti, poiché denaro e amicizia raramente vanno di pari passo. Riconoscimento di debiti, regali… è fondamentale chiarire la situazione per iscritto per evitare malintesi.

Prestiti d’onore da parte di reti di supporto alla creazione di imprese

Il modo più sicuro, e soprattutto più efficace, è quello di ottenere un “prestito d’onore” per incrementare il capitale iniziale. Questi prestiti a tasso zero sono concessi da reti di supporto alla creazione di imprese come Initiative France, France Active e Réseau Entreprendre, dopo un processo di selezione basato sulla domanda. I franchisee non sono il gruppo target preferito dalle organizzazioni di distributori, ma vale la pena fare domanda, soprattutto se stai iniziando con una rete giovane o se il concetto ha una dimensione sociale o ecologica. L’entità dei prestiti – da 5.000 a 15.000 euro – consente di fare leva sulle banche. Inoltre, hanno il vantaggio di essere disponibili per due franchisee coinvolti nello stesso progetto, in quanto i prestiti vengono concessi al titolare del progetto stesso. Tuttavia, devi sapere che questi prestiti sono come tutti gli altri. Non dimenticare di includere l’importo del rimborso nel tuo business plan.

Sussidi

Un’altra possibilità è rappresentata dalle sovvenzioni, che possono incrementare in modo significativo il capitale azionario. È impossibile elencarli tutti, perché variano da regione a regione e sono destinati a progetti diversi. Il modo migliore per scoprirli è contattare un’organizzazione di supporto alla creazione di imprese o l’ICC. Queste strutture di solito hanno una conoscenza dettagliata degli aiuti regionali.

Assistenza in conto capitale da parte di Pôle Emploi

I franchisee disoccupati e iscritti al Pôle Emploi possono richiedere il pagamento dell’indennità di disoccupazione sotto forma di contributo in conto capitale all’azienda (possono anche ricevere l’indennità di disoccupazione). L’importo di questa assistenza – Arce – corrisponde a un “capitale di diritti”, pari al 45% del diritto all’indennità di disoccupazione rimanente e pagato in due rate. Se il progetto offre prospettive di crescita rapida, l’opzione Arce è interessante. I franchisee saranno in grado di pagarsi uno stipendio e allo stesso tempo di immettere capitale nella loro attività. D’altra parte, se si prevede che l’attività si sviluppi più lentamente, è meglio optare per l’indennità di disoccupazione. Questo ci permette di mantenere un reddito sicuro con cui vivere.

Il coinvolgimento del franchisor

I franchisee che non dispongono di capitale possono chiedere un aiuto ai loro franchisor. Ci sono due scenari possibili: ottenere un prestito dal franchisor (porting) o dare al franchisor una quota dell’attività (franchising partecipativo) in cambio di un investimento azionario. Queste pratiche sono comuni nel settore della ristorazione, dove gli investimenti sono elevati. In entrambi i casi, dobbiamo essere vigili perché questi strumenti finanziari sono raramente utilizzati e spesso poco conosciuti. I termini di rimborso, le clausole di uscita o di riscatto, il calendario delle operazioni, ecc. devono essere messi nero su bianco. Queste garanzie sono essenziali, ma consentono agli affiliati che non hanno un conto corrente ben fornito di accedere al franchising.

Découvrez la newsletter 100% franchise

Je m'abonne à la newsletter
cross