È possibile aprire un franchising redditizio senza alcun deposito?

2 Maggio 2022

Poiché a volte è difficile mettere mano alla tasca, esistono soluzioni per avviare un franchising con un capitale sociale molto ridotto.


La scelta del franchising presenta molti vantaggi per gli imprenditori che vogliono essere supportati e beneficiare di una reputazione che garantisca il successo della loro attività. Ma beneficiare del know-how di un franchisor con una reputazione consolidata non è gratis.

Quasi tutti i franchising applicano una piccola o grande tassa di iscrizione. Di conseguenza, devi pagare una somma stabilita dal franchisor per poter utilizzare il suo marchio, che varia a seconda del marchio, del settore di attività, dell’esperienza dell’affiliato e della zona in cui si trova il punto vendita. I costi iniziali di alcuni franchising sono più accessibili di altri. Ad esempio, un negozio Fnac costa circa 15.000 euro, mentre un ristorante McDonald’s costa 45.000 euro.

Quindi, come si fa ad aprire un franchising quando i tuoi risparmi non ti permettono di dare un contributo personale sufficiente e di pagare la quota di iscrizione? Ci sono modi per aumentare il tuo capitale, da un lato, e per entrare a far parte di una catena a un costo inferiore, dall’altro.

Come puoi vedere, devi avere uncontributo personale minimo per poter aprire il tuo punto vendita. Anche se il biglietto d’ingresso fosse gratuito, ci sono comunque degli investimenti iniziali da fare, come l’acquisto di materie prime, i costi di allestimento e le spese amministrative. Nel 2020, un’indagine condotta da Banque Populaire in collaborazione con la Federazione Francese del Franchising e Kantar ha dimostrato che il costo totale della creazione di un’attività supera i 200.000 euro per il 42% dei richiedenti. Senza fondi, le banche non accetteranno di concederti un prestito perché devi avere almeno il 30% della somma richiesta.

Quindi, come si fa a finanziare un anticipo da zero? Ecco alcune soluzioni:

  • Denaro d’amore: si tratta di un investimento effettuato dagli amici e dalla famiglia del proprietario del progetto. Chi finanzia il tuo progetto acquisisce lo status di socio e beneficia di alcuni vantaggi come gli sgravi fiscali.
  • Crowdfunding : Si tratta di una forma di raccolta fondi organizzata su una piattaforma digitale dedicata in cui ogni individuo può investire in un progetto sotto forma di donazione o prestito. Ulule è solo un esempio di piattaforma di crowdfunding.
  • Prestito d’onore: si tratta di un prestito personale a tasso zero che non richiede garanzie. Il beneficiario si impegna sul proprio onore a rimborsare il prestito in un periodo stabilito dal finanziatore. Le due principali associazioni che concedono questo tipo di prestito agli imprenditori sono Réseau Entreprendre e Initiative France.
  • Microcredito: come suggerisce il nome, si tratta di un piccolo prestito fino a 10.000 euro. In particolare, questa soluzione può aiutare a coprire le prime spese di avvio di un’attività. Puoi rivolgerti a una banca approvata dal Fonds de Cohésion Sociale.
  • Aiuti per l’avvio di un’attività imprenditoriale per le donne e le persone con disabilità: le disuguaglianze retributive e alcuni stereotipi persistenti rappresentano ulteriori ostacoli all’ottenimento del credito. Per superare questo soffitto di vetro, esiste un sostegno specifico come la Garantie ÉGALITÉ Femmes o l’AGEPI per le madri single.

Con queste soluzioni, di solito dovresti essere in grado di accumulare un piccolo capitale, che potrai poi integrare con una richiesta di prestito. Ma se non hai ancora abbastanza soldi, devi sapere che è possibileaprire un punto vendita a costi inferiori, ma solo in alcune zone.

Diversi marchi del settore immobiliare, ad esempio, offrono una quota di iscrizione gratuita, tra cui reti di agenti come IAD France, Team France Immobilier e SAFTI. Anche quelli che operano nel settore dei servizi alla persona o alle imprese sono franchising a basso costo, in quanto non hanno bisogno di dipendenti o di locali per operare. Infine, ci sono tutte le attività che possono essere svolte da casa e che non richiedono praticamente alcun contributo.

Ma fai attenzione! Il fatto che una catena non applichi una tassa d’iscrizione non significa necessariamente che risparmierai. Alcuni di essi potrebbero richiedere una tariffa consistente. Assicurati quindi di fare i compiti a casa prima di fissare un appuntamento con un franchisor.

Découvrez la newsletter 100% franchise

Je m'abonne à la newsletter
cross