Come si fa a sapere se un franchising è redditizio?

3 Giugno 2022

Che cos’è un franchising redditizio? Prima di aprire un franchising, è importante sapere se il concetto è redditizio. Per ottenere un’analisi dei risultati è necessario prendere in considerazione diversi indicatori.
ritorno sull’investimento
e l’opportunità di crescere.


Il franchising sta resistendo bene, dimostrando la sua solidità nel 2021 con un fatturato di 68,8 miliardi di euro. Questo rappresenta un aumento del 7,7% rispetto al 2020 e addirittura dell’1,2% rispetto al 2019. “Il franchising esiste in Francia da oltre 50 anni. È un modello dinamico e attuale”, afferma Véronique Discours-Buhot, delegata generale della Federazione Francese del Franchising.

Soprattutto perché i franchisee guadagnano in media tra i 30.000 e i 39.000 euro. A volte di più. Di conseguenza, ogni anno ci sono molti nuovi candidati al franchising.

Ma devi comunque trovare un’idea che generi vendite sufficienti e sia redditizia. L’obiettivo è quello di vedere un ritorno sull’investimento dopo qualche anno (in media cinque anni).

Nel 2022 gli alimenti, l’arredamento e i fast-food saranno investimenti sicuri e sostenibili.

Come si fa a sapere se un franchising è redditizio?

Un franchising è redditizio quando il profitto netto dell’azienda supera le risorse iniziali investite nel progetto. Per calcolare questa cifra è necessario dedurre tutte le spese come l’affitto, le royalties, gli stipendi, la remunerazione dei dirigenti, ecc. In media, questo profitto netto rappresenta tra il 5% e il 15% del fatturato del franchising (prima delle imposte). È probabile che sia molto più alto per le aziende con vendite minori.

Quindi, prima di impegnarti e firmare con un rivenditore, devi raccogliere molte informazioni. Mostreranno se il concetto di franchising è redditizio e se è possibile guadagnare uno stipendio e trarne profitto.

Cerca i dati essenziali prima di fare il grande passo

Si tratta di informazioni che un franchisor può comunicare, ma è raro. Per questo motivo, è necessario ottenere un’analisi approfondita della reputazione del franchisor. Per farlo, dobbiamo confrontare il numero di aperture e chiusure, per dedurre un tasso di turnover. Se supera il 10%, è necessario vigilare.

È inoltre consigliabile valutare se i franchisee della rete hanno diversi punti vendita. Questo è un segno che stanno guadagnando denaro e lo reintegrano nel loro sviluppo.

È utile anche leggere i bilanci e i conti economici delle aziende della rete. Questi documenti possono essere trovati su siti come societe.com o infogreffe.

Infine, è importante scegliere il concetto di franchising in linea con la tua capacità di finanziamento prevista. Questo sarà un fattore decisivo nella stesura del business plan e ti darà una prospettiva sui tuoi obiettivi.

Quali sono i settori più redditizi del momento?

Alcune delle reti di franchising di maggior successo sono state in cima alla lista dei marchi più redditizi per diversi anni consecutivi. Una prova, ancora una volta, della solidità del loro concetto e della loro rete.

O’Tacos, Nabab, Pomme de pain, Paul, Prêt-à-manger e Domino’s Pizza dominano il settore dei fast food. Mentre King Marcel, Memphis Coffe e Del Arte stanno lasciando il segno nel settore della ristorazione a tema. Envia Cuisines, Self Tissus, Illico Travaux e Carré Blanc rappresentano il settore dell’arredamento.

Altre catene in settori in crescita stanno andando bene con contributi personali bassi. È il caso delle sigarette elettroniche come Le Petit Fumeur e Happesmoke. Ognuno di questi marchi richiede un contributo personale di 15.000 euro. Anche il mercato dei prodotti sfusi, rappresentato da catene come Mamie Mesure, è in crescita.

Infine, nel settore dei servizi alla persona, Dom et Vie sta facendo molto bene. Specializzata in accessori PRM, l’azienda richiede un investimento iniziale di 30.000 euro.

Découvrez la newsletter 100% franchise

Je m'abonne à la newsletter
cross