Il franchising di fronte all’inflazione

7 Dicembre 2022

In un contesto di interruzioni delle forniture e di inflazione, con un’impennata dei prezzi dell’energia e un aumento sostanziale del costo delle materie prime, franchisor e franchisee devono procedere di pari passo.


“Tutti i rivenditori si trovano ad affrontare il problema dell’aumento dei costi dell ‘energia, delle materie prime e dei salari”, afferma Nathalie Dubiez, cofondatrice di Alyxir, una società di consulenza specializzata nel supporto a manager e organizzazioni. “Come franchisee o franchisor, stiamo lavorando duramente per stabilizzare i nostri risultati in una situazione di forte inflazione, mai vista prima”, conferma David Giraudeau, amministratore delegato di La Mie Câline, una rete di panini e fast food con oltre 240 punti vendita in Francia. I settori che consumano molta energia, come i panifici e i ristoranti, sono particolarmente colpiti. In questo contesto di inflazione, l’impatto delle spese generali sul conto economico si farà sentire sempre di più”, afferma Stéphanie Pizzutti, commercialista di Fiducial. Bisognerà fare dei sottili compromessi per mantenere un margine decente e un risultato accettabile, pur conservando il cliente”.

2023, “il grande sconosciuto

La Mie Câline ha scelto di concentrarsi sulle sue formule entry-level e mid-range – “Malin” ed “Extra” – aumentandole di 1,20€ e offrendo meno formule “chic”. Tuttavia, essendo un “marchio popolare”, l’azienda deve continuare a offrire “prezzi accettabili per i clienti per evitare perdite di volume”, spiega il franchisor. È indispensabile che le reti riescano a mantenere l’attrattiva dei loro punti vendita, “migliorando i servizi e l’esperienza del cliente”, afferma Nathalie Dubiez.

La Mie Câline ha scelto di mantenere la stessa politica di approvvigionamento, non riducendo i volumi e non cambiando le forniture: “Dobbiamo mantenere la nostra promessa al consumatore non cambiando la qualità del prodotto o la qualità dell’accoglienza”, ammette David Giraudeau. Finora, in risposta all’inflazione, alcune reti avevano previsto non solo la carenza di materie prime e la conseguente interruzione dell’approvvigionamento, ma anche l’aumento dei prezzi. Per raggiungere questo obiettivo, hanno “accumulato scorte in eccesso di alcuni prodotti, assicurandosi così le forniture e il prezzo d’acquisto fino alla fine del 2022, oppure hanno negoziato un prezzo d’acquisto o un volume con i fornitori fino al 31 dicembre”, spiega Stéphanie Pizzutti. Ma per il commercialista il 2023 rimane “la grande incognita”.

Le bollette dell’energia triplicano

Se nel 2022 La Mie Câline, che ha aumentato i prezzi dei suoi negozi di circa il 10%, è riuscita ad assorbire l’aumento dei prezzi dei suoi fornitori, nel 2023 bisogna aggiungere il costo dell’energia. [et] Véronique Buhot, delegata generale della Fédération française de la Franchise (Federazione Francese del Franchising), ha espresso la sua preoccupazione sulle colonne di Le Figaro riguardo ad alcune reti “che subiscono aumenti di prezzo moltiplicati per cinque o dieci rischiano di avere risultati netti negativi”.

Come franchisor e produttore, la nostra bolletta energetica passerà da 1,5 milioni di euro a 4,5 milioni di euro il gennaio 2023″, afferma David Giraudeau. Per i franchisee, l’impatto dipenderà dalla loro situazione individuale e dalla data di rinnovo dei loro contratti energetici. A tal fine, la rete sta elaborando modelli economici, considerando che “per i meno fortunati, il costo dell’energia sarà moltiplicato per tre rispetto al 2022”. Si tratta di costi inevitabili che il marchio, in quanto principale fornitore della rete, non può evitare. “Consumiamo molta energia nella produzione e nello stoccaggio, perché lavoriamo con prodotti surgelati e li conserviamo per tutti i nostri franchisee”, spiega. In risposta, sta pianificando un ulteriore aumento dei tassi del 7-8% il 1° gennaio. Anche se i franchisee rimangono liberi di stabilire i propri prezzi di vendita. Nonostante una serie di buone pratiche, come il risparmio energetico grazie alla manutenzione dei compressori che producono il freddo, l’installazione di illuminazione a LED o l’ottimizzazione e il controllo dell’illuminazione, la rete si trova ad affrontare gli stessi problemi dei suoi affiliati.

“Condividere lo sforzo

“Anche se i franchisor sono stati in grado di assorbire parte dell’aumento di alcuni costi nel corso del 2022, come ad esempio i costi di consegna dovuti all’aumento del prezzo del carburante, non saranno in grado di continuare a farlo nel lungo periodo”, riconosce Stéphanie Pizzutti. Tanto più che gli adeguamenti dei prezzi di La Mie Câline restano inferiori all’inflazione subita dalla catena: nel 2022, la rete ha trasferito ai suoi affiliati solo il 60% dell’aumento totale subito. La sua regola d’oro? “Condividere lo sforzo”.

Oltre a questi aiuti finanziari, la sede centrale della rete fornisce supporto ai suoi negozi. “È particolarmente complicato per i rivenditori valutare l’impatto di questa situazione sul loro modello di business”, ammette David Giraudeau. L’azienda sta impiegando i suoi team sul campo e i suoi commercialisti accreditati per aiutare i franchisee a costruire una politica dei prezzi che permetta loro di gestire un’attività sostenibile nel 2023. Nathalie Dubiez si rammarica: “Poche catene hanno un sistema di monitoraggio degli indici commerciali, economici e finanziari. Devono consentire ai loro affiliati di tenerli sotto controllo, così come il flusso di cassa, con un monitoraggio preciso per far fronte agli alti e bassi dell’attività”.

In una situazione di ristrettezze, questi strumenti di gestione e i sistemi informativi per il monitoraggio dell’attività commerciale e la gestione dei margini e del flusso di cassa sono essenziali. I rivenditori possono anche implementare strumenti innovativi e soluzioni tecnologiche per alleggerire e migliorare i processi amministrativi tradizionali e aumentare la produttività riducendo i costi. Quelli che una volta erano “piacevoli da avere” sono diventati “indispensabili”. “Uno dei modi per ripristinare la redditività a livello di capo rete e di affiliati è quello di digitalizzare e automatizzare alcune funzioni, la gestione del magazzino o i processi operativi, e anche i processi specifici del franchising come lo sviluppo – strumenti di applicazione digitale, modellazione di processi legali o know-how”, conclude Nathalie Dubiez.

Un altro effetto negativo dell’inflazione è l’aumento dei salari. Mentre le aziende sono obbligate a trasferire i successivi aumenti dei salari bassi, in particolare il salario minimo nelle reti di servizi alla persona, esistono “altre soluzioni come i pacchetti di risparmio o di previdenza per fornire una forma di sicurezza finanziaria ai dipendenti”, afferma Nathalie Dubiez. La rete La Mie Câline ha deciso di aumentare gli stipendi del 7% all’interno della sede centrale della rete. Ma il rischio è quello di entrare in “una spirale inflazionistica”, ha avvertito Emmanuelle Auriol, economista e professore presso la Toulouse School of Economics (TSE), su franceinfo il 24 giugno.

Découvrez la newsletter 100% franchise

Je m'abonne à la newsletter
cross