Franchising o start-up: qual è la scelta vincente?

19 Settembre 2023

Se sei indeciso tra questi due modelli, ecco una serie di consigli per aiutarti a confrontarli e a decidere.


Considerata da tempo il modello da seguire per eccellenza, la start-up è sulla bocca di tutti. Tra la corsa agli unicorni e le storiche campagne di raccolta fondi, questa forma di imprenditoria finisce regolarmente sui giornali. Quasi ci si dimentica che questo tipo di azienda non è l’unico modo per avere successo.

In effetti, studi recenti sembrano dimostrare che la start-up non occupa più il primo posto nel cuore dei fondatori di aziende. Secondo un sondaggio Bpifrance condotto da OpinionWay e pubblicato nel marzo 2023, le persone intervistate preferirebbero dedicarsi all’artigianato, all’industria alberghiera e della ristorazione o al commercio al dettaglio piuttosto che al settore tecnologico.

È arrivato il momento per il franchising di affermarsi come modello da seguire? Qual è la scelta migliore per un investimento finanziario vincente? Che la partita abbia inizio.

Start-up: per imprenditori creativi e visionari

Le start-up hanno generalmente un potenziale di crescita rapido. Utilizzando idee innovative e modelli di business dirompenti, possono sconvolgere i mercati consolidati e ottenere una crescita esponenziale in un breve lasso di tempo. In generale, le start-up si concentrano sull’innovazione e sulla creatività e si adattano perfettamente a certe personalità che vogliono affrontare nuovi problemi.

Un altro vantaggio è che spesso è possibile avviare una start-up con un anticipo minimo, che può essere integrato da un’ampia gamma di programmi di sostegno finanziario (specifici per la Francia). È tutto molto eccitante, tranne per il fatto che ci sono molte persone convocate, ma poche scelte.

In realtà, questo modello comporta una maggiore incertezza sulla redditività dell’azienda e sulla sua redditività. Molte iniziative si concludono con un fallimento, poiché gli imprenditori si trovano ad affrontare sfide formidabili: lo sviluppo del concetto, la concorrenza, la gestione delle risorse umane, l’arrivo sul mercato, l’acquisizione di clienti…

Un altro aspetto da tenere presente quando si fa il grande passo: l’isolamento. È una situazione complicata da gestire in caso di contrattempi, anche se all’inizio può sembrare esaltante essere l’unico al comando. E non dimentichiamo che l’accesso ai finanziamenti rimane complesso: i fondi di investimento stanno riducendo notevolmente i loro investimenti azionari.

Il risultato? I rischi sono spesso superiori ai benefici.

Franchising: essere il capo di te stesso e ridurre i rischi

Il vantaggio principale del franchising è che permette a chiunque di avviare la propria attività senza avere un’idea innovativa, beneficiando di un modello collaudato che deve essere semplicemente duplicato. Poiché si basa su un principio semplice – ripetere il successo – rappresenta un modello di redditività collaudato, a patto che il nuovo operatore abbia le risorse necessarie per avere successo.

Le statistiche Insee parlano chiaro: il tasso di sopravvivenza di questo tipo di attività è dell’80% dopo cinque anni, rispetto al 50% delle imprese tradizionali. Inoltre, sebbene gli affiliati siano indipendenti, non sono mai completamente soli. In qualsiasi momento, possono rivolgersi alla loro rete o ai loro colleghi per ricevere supporto, consigli e indicazioni.

Ma attenzione: anche se questo modello è oggettivamente molto più rassicurante, devi comunque prevedere una spesa iniziale significativa, anche se questa varia da marchio a marchio e da settore a settore. I candidati devono pagare una tassa d’ingresso elevata. Per tutta la durata del contratto, dovranno inoltre pagare delle royalties al franchisor in cambio dell’esclusività territoriale e dell’utilizzo del marchio.

È inoltre fondamentale scegliere la rete con attenzione, perché non tutte le reti sono uguali in termini di supporto o reputazione. Infine, sebbene gli affiliati rimangano i padroni di se stessi, devono comunque rispondere di alcune cose. Ad esempio, il marchio avrà voce in capitolo sull’identità visiva del negozio e su come viene utilizzato il suo know-how.

Nessuno dei due modelli è realmente superiore all’altro. Mentre la seconda sembra meno rischiosa, la prima offre una maggiore autonomia. Tuttavia, il franchising si distingue per la sicurezza e le possibilità di successo. Si tratta quindi di un’ottima scelta di investimento che ha tutte le possibilità di rivelarsi vincente.

Franchising: essere il capo di te stesso e ridurre i rischi

Il vantaggio principale del franchising è che permette a chiunque di avviare la propria attività senza avere un’idea innovativa, beneficiando di un modello collaudato che deve essere semplicemente duplicato. Poiché si basa su un principio semplice – ripetere il successo – rappresenta un modello di redditività collaudato, a patto che il nuovo operatore abbia le risorse necessarie per avere successo. Le statistiche dell’INSEE parlano chiaro: il tasso di sopravvivenza di questo tipo di imprese è dell’80% dopo cinque anni, rispetto al 50% delle imprese tradizionali. Inoltre, sebbene gli affiliati siano indipendenti, non sono mai completamente soli. In qualsiasi momento, possono rivolgersi alla loro rete o ai loro colleghi per ricevere supporto, consigli e indicazioni.

Ma attenzione: anche se questo modello è oggettivamente molto più rassicurante, devi comunque prevedere una spesa iniziale significativa, anche se questa varia da marchio a marchio e da settore a settore. I candidati devono pagare una tassa d’ingresso elevata. Per tutta la durata del contratto, dovranno inoltre pagare delle royalties al franchisor in cambio dell’esclusività territoriale e dell’utilizzo del marchio. È inoltre fondamentale scegliere la rete con attenzione, perché non tutte le reti sono uguali in termini di supporto e reputazione. Infine, sebbene gli affiliati rimangano i padroni di se stessi, devono comunque rispondere di alcune cose. Ad esempio, il marchio avrà voce in capitolo sull’identità visiva del negozio e su come viene utilizzato il suo know-how.

Nessuno dei due modelli è realmente superiore all’altro. Mentre la seconda sembra meno rischiosa, la prima offre una maggiore autonomia. Tuttavia, il franchising si distingue per la sicurezza e le possibilità di successo. Si tratta quindi di un’ottima scelta di investimento che ha tutte le possibilità di rivelarsi vincente.

Découvrez la newsletter 100% franchise

Je m'abonne à la newsletter
cross