Come si costruisce un contributo personale?

8 Ottobre 2023

Se non hanno sufficienti risparmi a disposizione, possono rivolgersi ad amici e parenti o cercare di ottenere un prestito d’onore.


Per portare a termine un progetto di franchising, devi mettere a disposizione le tue risorse finanziarie. L’azienda lo richiede perché vuole essere certa che l’affiliato sia in grado di mantenersi durante i primi mesi di attività o in caso di contrattempi. Più tradizionalmente, il contributo personale viene utilizzato anche per convincere il banchiere a concedere un prestito.

Questo contributo personale ammonta generalmente al 30% dell’investimento iniziale, o addirittura al 40% nel caso di imprese di servizi che offrono meno garanzie – ad esempio, un franchising senza locali. Attenzione: in attività ad alta intensità di capitale come la ristorazione o la panificazione, il budget totale può facilmente superare i 300.000 euro, il che implica un contributo in conto capitale di oltre 100.000 euro. Si tratta di livelli estremi. “Nella maggior parte dei casi non supera i 30.000 euro”, osserva Nicolas Lopez, direttore dei servizi di CrediPro.

Da dove arriverà questo denaro?

“I franchisee hanno generalmente sufficienti risparmi personali sotto forma di conti correnti, libretti di risparmio, programmi di risparmio domestico, ecc. Possono anche chiedere a parenti e amici di aiutarli a lanciare il loro progetto. Infine, c’è una terza opzione: i prestiti delle persone di buona volontà, che vengono trattati dalle banche come capitale proprio”, spiega André Billard, responsabile del franchising di Banque Populaire, la banca numero 1 in questo segmento*.

Quando le risorse vengono integrate da familiari o amici, si parla di “denaro d’amore “. Bpifrance e la Fédération française de la franchise affermano nella loro Guide du créateur d’entreprise en franchise che “le donazioni e le sottoscrizioni al capitale sociale, che sono soggette a norme fiscali speciali, offrono una serie di vantaggi ai contribuenti”.

Se l’affiliato non è in grado di raccogliere i fondi necessari, può richiedere un prestito d’onore a diverse organizzazioni: Bpifrance, la rete Entreprendre, France Active o l’Association pour le droit à l’initiative économique (Adie) – un elenco non esaustivo.

Ad esempio, Bpifrance offre un prestito per l’avvio di un’attività. Si tratta di un prestito a tasso zero fino a 80.000 euro per un periodo da uno a sette anni. La rete Entreprendre in genere anticipa somme tra i 15.000 e i 30.000 euro per progetti di creazione di posti di lavoro.

Le banche apprezzano questo approccio: se il franchisee ottiene un prestito d’onore, dimostra la serietà del progetto. Inoltre, “è un ottimo esercizio prima di andare in banca, perché devi “vendere” il tuo progetto, sviluppare le tue argomentazioni e affinare le tue capacità persuasive”, spiega André Billard. È necessario aver versato un contributo completo prima di rivolgersi alle banche.

Il futuro franchisee dovrà quindi puntare molto in alto. Potrebbero anche prendere in considerazione la possibilità di mettere il loro progetto su una piattaforma di crowdfunding come KissKissBankBank o Lendopolis. Questi siti ti permettono di raccogliere contributi finanziari dai tuoi amici e familiari e dalla tua “seconda cerchia”. Inoltre danno visibilità al progetto.

Infine, se nonostante tutte queste leve a disposizione, l’affiliato non dovesse avere successo, può sempre rivolgersi al proprio marchio. In genere, il franchisor dispone di specialisti che possono aiutare con il finanziamento. Ma questa è l’ultima spiaggia. È meglio farlo da soli per rassicurare il responsabile della rete.

* I suoi clienti comprendono la metà dei franchisor francesi e un quarto dei franchisee.

Découvrez la newsletter 100% franchise

Je m'abonne à la newsletter
cross