Avviare un franchising con meno di 10.000 euro di anticipo

9 Marzo 2023

È risaputo che il franchising può essere piuttosto costoso. La cifra è variabile e può variare da alcune decine di migliaia a diverse centinaia di migliaia di euro.


Secondo la 15esima edizione del sondaggio annuale sul franchising fornito dalla Fédération Française de la Franchise e dalla Banque Populaire, l’investimento medio nel 2020 è stato di 157.000 euro. Questo investimento è, logicamente, maggiore nelle attività di vendita al dettaglio che nei servizi.

Tuttavia, sempre secondo questa fonte, il 33% degli imprenditori intervistati ha investito meno di 50.000 euro per aprire il proprio franchising. È possibile iniziare con ancora meno soldi? La risposta è sì, e L’Express Franchise ha studiato per offrirti una selezione di marchi che ti permettono di iniziare con un capitale inferiore a 10.000 euro.

Il franchising: un modello imprenditoriale accessibile a tutte le tasche

Il modello del franchising è presente in un’ampia varietà di settori e offre a imprenditori e investitori una vasta gamma di attività. Dalla ristorazione alla fiscalità, passando per la cura del corpo, gli alimenti e le bevande, l’industria e la tecnologia digitale, c’è qualcosa per tutti i gusti e per tutte le tasche.

In media, il contributo del capitale proprio si aggira intorno al 30% per le attività di vendita al dettaglio e al 40% per le attività di servizi, dove la maggior parte degli investimenti è di tipo immateriale, ovvero tutto ciò che non è fisico (ad esempio, costi di ricerca, commissioni varie, acquisto di brevetti e licenze, registrazioni, key money, diritti di locazione, avviamento commerciale).

Si noti inoltre che i contributi possono essere limitati al 20% nel caso di un’acquisizione o della creazione di un secondo punto vendita nel caso di un multi-franchising. L’investimento complessivo in un progetto di franchising comprende diversi aspetti: la quota di iscrizione, i locali, l’avviamento, i diritti di locazione, le attrezzature e l’energia. Questi diversi punti possono avere un impatto sui tuoi requisiti contributivi personali.

Per finanziare l’avvio della propria attività o il progetto di acquisizione, gli affiliati fanno generalmente affidamento sia sulle proprie risorse che su un prestito bancario. È qui che entra in gioco la diversità delle attività in franchising. Alcune attività non hanno bisogno di locali, né all’inizio né in seguito. Altri franchising offrono l’opzione di non prendere alcun locale all’inizio e di aspettare di avere una base di clienti solida e regolare prima di fare il grande passo e aprire una sede fisica. Un’altra possibilità è quella di avere dei locali, ma con un piccolo contributo. Altri ancora hanno requisiti di capitale bassi. Tutte queste soluzioni si basano sulla varietà di questo modello di business e permettono di ridurre l’importo del contributo iniziale.

Inizia senza depositi con Heytens e Court EA Crédits

Heytens: specialista nella decorazione di finestre

Il franchising Heytens è stato fondato nel 1974 e offre una soluzione su misura che si adatta alle esigenze e ai desideri di ogni cliente, con servizi personalizzati che vanno dalla consulenza in casa all’installazione dei prodotti. Non è richiesto alcun contributo personale e la quota di iscrizione è di 10.000 euro.

Si tratta di un settore che si basa fondamentalmente sulle vendite in negozio. I negozi del marchio Heytens coprono una superficie compresa tra i 60 e i 200m2, il che significa che consumano relativamente poco in termini di utenze ed energia. L’investimento totale richiesto è di circa 150.000 euro, con un fatturato dichiarato di circa 600.000 euro IVA esclusa dopo 2 anni. Va detto che i francesi sono molto appassionati di design e decorazione d’interni. Secondo Les Echos, il settore genera un fatturato tra i 16 e i 24 miliardi di euro all’anno.

Cerchiamo persone con la passione per l’interior design, una mentalità commerciale e il desiderio di essere coinvolti nella gestione del team del negozio. Inoltre, Heytens offre 6-8 settimane di formazione prima di assumere il nuovo ruolo.

La rete di mediatori Court’EA Crédits per l’assicurazione dei prestiti e del credito

Fondata nel 2009, Court’EA è un franchising di servizi che aiuta i suoi clienti a trovare la migliore soluzione di credito per l’acquisto di immobili, il finanziamento delle imprese, la ristrutturazione del credito e il credito al consumo. Questo concetto è più adatto alle persone che vogliono lavorare in modo indipendente e gestire la propria agenzia.

Anche in questo caso non è richiesto alcun contributo personale e la quota di iscrizione è di soli 5.000 euro per un fatturato stimato di 150.000 euro IVA esclusa dopo 2 anni. Il marchio vanta un modello di business con diverse formule. Il marchio offre anche ore di formazione obbligatorie attraverso la sua piattaforma di e-learning, che suggerisce una politica di formazione interna per garantire che ogni affiliato sia sistematicamente aggiornato sulle proprie conoscenze e competenze nel settore.

Sebbene la rete si rivolga principalmente a potenziali affiliati con un background da broker, bancario o assicurativo, sono benvenuti anche i proprietari di progetti motivati che si stanno riqualificando.

Inizia con un importo compreso tra 0 e 5.000 € grazie a Repar’Stores e YourHostHelper

Repar’Stores: specialista nella riparazione e nell’ammodernamento di tende e tapparelle

Il franchising Répar’Stores, lanciato nel 2009, è un po’ un cambio di scena e richiede l’amore per il fai da te. Specializzata nella riparazione e nell’ammodernamento di tende da sole e tapparelle, questa rete ha un potenziale di crescita molto elevato. Si tratta di un settore vivace e poco sfruttato, con una base installata stimata in poco meno di 900 milioni di euro all’anno.

I suoi punti di forza? Il basso contributo personale di 5.000 euro, senza la necessità di locali commerciali, rende questo franchising molto conveniente nonostante la quota di iscrizione di 24.000 euro. La rete afferma di prestare particolare attenzione ai suoi affiliati e questo sembra dare i suoi frutti, dato che un’indagine di soddisfazione tra di loro ha rivelato un tasso di soddisfazione complessivo, senza precedenti per una rete di queste dimensioni, del 96%, il 10% in più rispetto al 2014.

Altri vantaggi sono un corso di formazione iniziale di 6 settimane e numerosi corsi di formazione disponibili durante l’anno per garantire un livello di competenze sempre ottimale e aggiornato; c’è persino un corso sulla felicità al lavoro.

Infine, i servizi di supporto come il dipartimento di pianificazione sono a disposizione degli affiliati per semplificare al massimo le loro attività quotidiane. L’investimento complessivo è di circa 50.000 euro per un potenziale di vendita di circa 140.000 euro IVA esclusa dopo 2 anni. Il suo affiliato “ideale”? Capacità commerciali e gusto per il lavoro manuale.

YourHostHelper : specialista in affitti vacanze

Il servizio di concierge YourHostHelper è nato nel 2017 ed è stato lanciato in franchising nel 2021. È lo specialista degli affitti stagionali in Francia, un mercato che sta andando bene e che cresce a due cifre all’anno, con un fatturato stimato di 200.000 euro IVA esclusa dopo 2 anni. Con un contributo personale di soli 2.000 euro e la stessa quota di iscrizione e investimento complessivo, si tratta di un’opportunità di franchising che vale la pena esplorare.

Che tipo di franchisee stai cercando? Non ci sono punti specifici, ma indicatori “positivi” come la voglia di mettersi in gioco, il senso di iniziativa e il gusto per la sfida, una comprovata formazione nel settore immobiliare ed eventuali esperienze nella gestione di immobili, nei servizi, nel turismo o nei servizi di portineria.

Iniziare con una somma compresa tra i 5.000 e i 10.000 euro con Véha Conseil e CosmetiBoat

Véha Conseil: supporto per i professionisti

Un breve tour nel settore della qualità con Véha Conseil, istituito nel 2016, che supporta i professionisti della ristorazione nelle aree della sicurezza alimentare, della disinfestazione e dei rischi professionali sul posto di lavoro. La maggior parte dei ristoranti e delle imprese di catering teme i controlli sanitari e spesso non può permettersi di investire in un responsabile della qualità a tempo pieno.

Per questo motivo, Véha Conseil ha sviluppato una serie di servizi su misura per fornire alle aziende sicurezza a costi inferiori. Con un contributo personale di 7.000 euro, una quota di iscrizione di 18.000 euro e lo stesso investimento complessivo, questa rete di franchising è una soluzione imprenditoriale ragionevole per iniziare, con un fatturato stimato di 70.000 euro IVA esclusa dopo 2 anni.

CosmetiBoat: pulizia e ristrutturazione delle barche

Il franchising CosmetiBoat è un concetto nato nel 2012 e dedicato alla pulizia, alla ristrutturazione, alla lucidatura e alla manutenzione operativa delle imbarcazioni. CosmetiBoat è sensibile alle questioni ecologiche e ha adottato un approccio eco-responsabile utilizzando prodotti approvati per il mare e riducendo il più possibile la quantità di acqua utilizzata. Questa ambiziosa rete di franchising ha nove filiali e mira a diventare leader del mercato.

Con un contributo personale di 5.000 euro, una quota di iscrizione di 5.500 euro e un investimento complessivo di 17.260 euro per un fatturato potenziale compreso tra i 60.000 e i 185.000 euro, IVA esclusa, dopo 2 anni, partecipare a questa iniziativa potrebbe rivelarsi un’opportunità estremamente interessante senza spendere una fortuna. Non è necessario un profilo specifico per entrare a far parte di questo network, a parte la motivazione, lo spirito vincente e le capacità di vendita.

Dire la verità

A volte si dice che un franchising che richiede un investimento personale minimo o nullo non sia redditizio o che sia un’attività rischiosa. Ma c’è davvero una correlazione? Come abbiamo visto, alcuni franchising hanno un ottimo ritorno sull’investimento in termini di vendite potenziali. Ma la vera questione è mettere in discussione i nostri stessi obiettivi.

Vuoi lavorare da solo o come parte di un team? Nel caso di un team, questo può significare assumere e quindi pagare gli stipendi. Ti senti più a tuo agio in un locale commerciale o ti piace essere spesso in movimento? In realtà, la questione del contributo personale dipenderà soprattutto dalla natura dell’azienda, dagli obiettivi e dallo stile di vita professionale che ti aspetti. In ogni caso, puoi avere successo con pochi input.

Découvrez la newsletter 100% franchise

Je m'abonne à la newsletter
cross