L’usato, la nuova bonanza della rete

15 Marzo 2023

King Jouet, Fnac-Darty, Kiabi… Molti rivenditori si stanno dedicando all’usato con corner o negozi dedicati all’usato. Una panoramica di questi nuovi modelli


9 miliardi di fatturato entro il 2021! Sostenuto dai cambiamenti sociali e dall’inflazione, il mercato dell’usato è in forte crescita in Francia. E le cifre continueranno a salire, con Xerfi che stima che il settore avrà un valore di 10 miliardi di euro entro il 2025.

Questa è una buona notizia per i nomi storici del settore come Cash Express, Cash Converters, Happy Cash e Easy Cash. “L’usato è diventato una tendenza importante. 20 anni fa, questo tipo di consumo era riservato alle persone con mezzi limitati. Al giorno d’oggi, tutti comprano l’usato. È diventato un luogo comune”, afferma Kevin Fischer, direttore dello sviluppo di Easy Cash (130 negozi). E aggiunge: “In media, i nostri punti vendita hanno un fatturato di 1,9 milioni di euro, con un aumento del 20% rispetto a tre o quattro anni fa”.

Il settore del prêt-à-porter cerca nuovo slancio con l’abbigliamento di seconda mano

Questo nuovo guadagno ha suscitato invidia. Di conseguenza, molti rivenditori stanno cercando di entrare nel mercato dell’usato. Tra i più attivi ci sono gli specialisti di elettrodomestici (Fnac Darty, Boulanger, ecc.) e le reti di prêt-à-porter, desiderosi di dare un nuovo impulso alla loro attività, che da diversi anni si trova in uno stato di fragilità.

Ad esempio, Kiabi, la catena affiliata a Mulliez Group, ha creato dei corner per la vendita di abiti di seconda mano in circa 80 negozi della sua rete. Entro un anno, il Gruppo prevede che tutti i suoi negozi francesi offrano questo tipo di spazio, dove gli articoli vengono venduti a un prezzo inferiore del 40%-80% rispetto al nuovo. In occasione di un incontro con la stampa tenutosi a gennaio, Patrick Stassi, CEO del Gruppo, ha annunciato l’apertura di un nuovo concept, Les petits magasins, dedicato ai veicoli di seconda mano e a noleggio. “Entro la fine del 2023 apriremo dieci Petits Magasins di seconda mano e speriamo di arrivare a 100 entro il 2030, tenendo conto che i prodotti offerti sono più economici del 70% rispetto al prezzo originale e che questi punti vendita si rivolgono principalmente alle famiglie dei quartieri prioritari”, ha dichiarato.

Allo stesso modo, Petit Bateau è interessato anche all’abbigliamento di seconda mano. Nel 2021, la catena ha lanciato la raccolta di abiti di seconda mano presso i punti vendita, che vengono poi rivenduti nei corner dei negozi. Entro il 2022 sono stati installati una quindicina di corner di seconda mano.

Angoli o negozi dedicati: l’industria del giocattolo testa le alternative

Anche il settore dei giocattoli sta testando diversi modelli. La rete Jouet Club sta introducendo dei corner nei suoi punti vendita, mentre King Jouet ha deciso di creare dei negozi dedicati chiamati King’Ocaz. “Il primo negozio pilota è stato lanciato nel maggio 2022 vicino a Valence. Altri sei negozi sono stati aperti nel settembre 2022. Offrono articoli nuovi (70%) e di seconda mano (30%)”, spiega Patrick Jocteur Monrozier, direttore della divisione negozi di King Jouet.

I clienti portano i loro oggetti, che vengono valutati e anche rimessi a nuovo, e la catena li rivende al 50% del prezzo nuovo. “Siamo ancora in fase di sperimentazione, perché non è facile trovare il giusto modello di business. Ad oggi, le auto usate rappresentano il 20% delle vendite nei negozi King’Ocaz. Dobbiamo raddoppiare questa percentuale per essere redditizi”, aggiunge Patrick Jocteur Monrozier. Il marchio sta lavorando per valorizzare i suoi prodotti presentandoli in scatole trasparenti (attualmente sono confezionati in sacchetti di carta kraft) e conducendo campagne di marketing per introdurre i clienti a questo concetto. Se il test avrà successo, la catena prevede di offrire il modello a nuovi affiliati.

Modelli di business difficili da trovare

Perché è questo il problema! Sebbene il mercato sia succulento, è complesso da implementare. “È un’attività che richiede un cambiamento di mentalità per i rivenditori tradizionali. Non vendiamo il nuovo come l’usato. Questo richiede strumenti, logistica, risorse umane e un alto livello di competenza”, avverte Kevin Fischer di Easy Cash. Tra raccolta, smistamento, riconfezionamento, stima, scaffalatura, riconfezionamento… ci sono molte fasi che richiedono tempo e denaro.

Per semplificare le cose e professionalizzare il suo modello, Kiabi ha unito le forze con la piattaforma Patatam. Il negozio dell’usato raccoglie gli abiti e li ridistribuisce ai punti vendita. Le catene di supermercati come E.Leclerc, Carrefour, Auchan, Cora e Casino, anch’esse desiderose di offrire corner di seconda mano nei loro negozi, non esitano a collaborare con gli specialisti del settore. Easy Cash ha allestito dei corner in almeno dieci negozi Cora e altri presso il Casinò. “Stiamo sviluppando delle partnership con loro. Questo è il nostro mestiere da anni e conosciamo le regole e le abitudini”, conclude Kevin Fischer.

Découvrez la newsletter 100% franchise

Je m'abonne à la newsletter
cross