Franchising under 30

30 Marzo 2023

Sotto i 30 anni e già imprenditori, alcune persone hanno capito molto presto di voler essere il capo di se stessi. Ma come si affermano sul campo di fronte ai dipendenti più anziani, come si legittimano? Come puoi finanziare la tua attività quando non hai abbastanza soldi?


Arnaud Richir, affiliato Ewigo, gestisce la filiale di La Rochelle dal 2016. Quando ha avviato la sua attività, aveva 26 anni e ha dovuto imparare il mestiere contemporaneamente alla gestione di un’azienda. Ci racconta il suo viaggio tra difficoltà e opportunità.

Arnaud Richir: Prima di diventare franchisee, ho lavorato nel settore bancario. I miei clienti erano dirigenti d’azienda e ho pensato che un giorno avrei voluto avviare anch’io un’attività in proprio.

Un giorno ho venduto la mia auto tramite un intermediario. Non sapevo nulla di questo lavoro, che ho trovato assolutamente fantastico. È stato molto pratico poter affidare la vendita della mia auto a qualcuno. In questo modo è stato possibile garantire la transazione, che per me è stata un’azione ansiogena. Quindi, come cliente, ho apprezzato molto il concetto. Ho scelto il franchising perché non sapevo nulla di auto e volevo sentirmi supportato.

Al Franchise Expo di Parigi, sei intervenuto alla conferenza “Ho meno di 30 anni, posso essere un capo? Perché hai partecipato a questa conferenza?

Arnaud Richir: Perché sono convinto che sia un ottimo momento per investire. Non ero molto vecchio quando ho iniziato, ma come direttore di filiale mi ero abituato alla comodità di non essere più in prima linea. Più si invecchia, più ci si abitua a queste comodità e diventare imprenditori significa rinunciarvi. A mio parere, è meglio farlo in anticipo. Tornare a un lavoro puramente operativo e avere di nuovo a che fare con il campo è stato un vero colpo.

Inoltre, il nostro tenore di vita si abbassa quando diventiamo imprenditori, almeno per i primi mesi. Per questo ho preferito iniziare quando la mia situazione non richiedeva costi personali fissi importanti.

Arnaud Richir: Una delle prime difficoltà incontrate dai giovani imprenditori è la loro credibilità. Dobbiamo rispondere ai clienti più anziani che dubitano di noi. È un pensiero legittimo, visto che hai meno esperienza di chi è nel settore da tempo. Quindi, nei primi tempi, devi lavorare molto di più per guadagnarti la fiducia dei tuoi clienti. Questa mancanza di credibilità riguarda anche le squadre. A volte dobbiamo fare i conti con l’ego dei dipendenti, che non amano essere gestiti da qualcuno di più giovane.

Arnaud Richir: Ho comprato degli occhiali senza correzione per sembrare più vecchio (ride). Per quanto riguarda le cose serie, agli occhi dei nostri clienti, sono la preparazione e l’esperienza a conferirci legittimità. Mi sono preparato prima di ogni appuntamento per scoprire tutto quello che c’era da sapere sull’argomento. Quando il cliente è arrivato, ero pronto.

Per quanto riguarda i dipendenti, la chiave principale è l’umiltà. Se sono più grandi, hanno sicuramente più esperienza di noi e quindi possono dare un contributo importante. È qualcosa che va valorizzato. Inoltre, devono sapere che il direttore dell’azienda non è contro i suoi dipendenti, ma che sta lavorando con loro per raggiungere lo stesso obiettivo.

Arnaud Richir: Non arrivare su un terreno già conquistato, attingi a tutta l’esperienza accumulata dai tuoi dipendenti e sfruttala al massimo. Non dobbiamo esitare a dare loro delle responsabilità. Questo ha il duplice vantaggio di sfruttare al meglio l’esperienza dei tuoi dipendenti e di sollevarti da compiti che non saresti in grado di svolgere bene come quelli di chi ha esperienza.

Arnaud Richir: Uno degli ostacoli principali è l’incertezza. Il clima attuale è di ansia, con la crisi in Ucraina e l’aumento del costo delle materie prime e dell’energia. C’è anche il rischio dei social network e il mito del denaro facile. Al giorno d’oggi, essere un imprenditore non è affatto facile, ma sui network puoi trovare esempi di persone che hanno successo senza lavorare molto. Questo può distorcere la valutazione del costo del lavoro.

Infine, la mancanza di denaro è il più grande ostacolo all’imprenditorialità dei giovani. Ma c’è un aiuto disponibile per i giovani con un progetto imprenditoriale. Da parte mia, ho contribuito con 25.000 euro di tasca mia e ho richiesto un prestito d’onore di Initiative France di 10.000 euro, che mi ha permesso di richiedere un prestito bancario. Il banchiere ha sottolineato la mia mancanza di esperienza nel settore, ma io avevo il vantaggio della mia esperienza nel mondo bancario, che mi ha reso le cose più facili: sapevo cosa voleva sentirsi dire (ride).

Arnaud Richir: Senza dubbio! Per le banche, il franchising rappresenta un vero e proprio vantaggio, in quanto è possibile attingere ai bilanci di altri affiliati in bacini di utenza simili. Questa visibilità del business consente loro di proteggere i rischi. Inoltre, stiamo dimostrando un modello di redditività già consolidato e funzionante. Questo ha un valore, soprattutto per un’attività come la nostra che, nel 2016-2017, è stata innovativa.

Bloc-PP-Aide

En savoir plus ?

Besoin de conseils sur votre projet ? Nos experts sont à votre disposition gratuitement.
Contactez-nous
red-heart2

Vous aimerez aussi

Tous les articles

Découvrez la newsletter 100% franchise

Je m'abonne à la newsletter
cross